JackQuest: The Tale Of The Sword, recensione PC Steam
JackQuest: The Tale Of The Sword, recensione PC Steam
Recensione

JackQuest: The Tale Of The Sword, recensione PC Steam

Jack ha bisogno del nostro aiuto, l'amata Nara è in pericolo!



Prodotto da Blowfish Studios e sviluppato da NX Games, Jack Quest: The Tale Of The Sword è un titolo che rimanda al passato, dandoci in pasto il classico stile retrò dei platform 2D.

La trama di gioco non brilla certo per originalità e con il suo “la Principessa è in pericolo e va salvata!” non fa altro che spingerci diretti nella "meno originale delle trame", mostrandoci come durante una passeggiata notturna nel bosco, Jack e Nara vengono colti di sorpresa dal malefico Orco Korg.

Questo, preso da un raptus di follia, rapisce la Principessa e la segrega nella sua labirintica tana. Spetta quindi a Jack il compito di salvare la sua bella amata dalla grinfie del temibile Orco.

Il nostro eroe si imbatte così in Kuro, una spada magica e parlante che si rivelerà un alleato indispensabile nella lotta contro le forze oscure.


JackQuest: The Tale Of The Sword, recensione PC Steam

Monete monete e ancora monete!

Come nel più nostalgico dei Super Mario Bros., massimo esperto nella categoria Olimpica del salvataggio di Principesse, il nostro eroe Jack lungo il cammino farà grandissime scorpacciate di monetine. Queste saranno poi utili all’acquisto di equipaggiamento di supporto all’interno del bazar di Gabe il mercante, fornendoci il giusto aiuto per portare a termine la nostra missione.

La mappa di gioco è unica e si snoda lungo una infinita caverna costellata di trappole, passaggi segreti, spunzoni, mostri, palle rotanti e fiamme.

Ma non basta: il nostro eroe infatti sarà impegnato in una serie di rompicapo per cercare di raggiungere la “stanza finale”  saltando da muro a muro, azionando leve dislocate ovunque nella zona e cercando passaggi, arrovellandosi sul dove andare… si, perché capire dove dover andare è la sfida più difficile in JackQuest. Sarà quindi di notevole aiuto prendere un piccolo appunto sulla mappa di esplorazione, la quale potrà risultare a volte poco chiara.



JackQuest: The Tale Of The Sword, recensione PC Steam

Curiosità

La mappa presenta segreti da scoprire e incentivi anche dopo aver terminato l'avventura principale, fornendo ulteriore rigiocabilità al titolo.


L’immortale stile retrò, tra tecnica e gameplay

La grafica in pixel art si intona molto bene con la tipologia di gioco proposto da NX Games e rimane molto piacevole e fluida, con un'ambientazione piuttosto asettica e priva di profonda personalizzazione. Indubbiamente, tutto rimane molto basico ed asciutto, permettendo poche distrazioni alla vista del videogiocatore.

Non poteva certo mancare a questa epica avventura una degna colonna sonora, ridondante, frenetica e accattivante, con sviolinate e pianoforti ritmati che tengono sempre viva l’attenzione.

Il gioco risulta tuttavia semplice da assimilare e controllare, ma a volte pecca di responsività nei comandi, offrendo qualche ritardo nell’esecuzione delle azioni.

Jack, il nostro caro eroe, ha una serie di abilità piuttosto limitate, ma andando avanti nell’avventura sarà possibile acquisirne di nuove ed espandere il proprio equipaggiamento con armi che arricchiranno il gameplay. Nonostante tutto, a lungo andare, i combattimenti potranno apparire scarni e poco dinamici, mentre le uniche diversificazioni sono presenti durante le boss fight che possiedono meccaniche uniche, molto intuitive e che ricordano lontanamente quanto visto nella serie Mega Man di Capcom.


Commento Finale

Ho giocato JackQuest: The Tale Of The Sword su PC attraverso Steam. Il titolo si presenta  impostato, in definitiva, come uno dei più classici platform 2D e come tali non presenta grandi pretese. A tratti può risultare ripetitivo e convulso, ma senz’altro piacevole per gli amanti del genere.

Non offre molto di fresco e innovativo; come molti dei vecchi classici bidimensionali saprà certamente catturare l’attenzione dei nostalgici.

Voto Globale
65
Acquistalo


Commenti

blog comments powered by Disqus