quello che non si può dire – Libero Quotidiano

Volodymyr Zelensky è stato criticato dai soliti filo-putiniani italiani perché nel bel mezzo della guerra ha dedicato qualche minuto a fare post social sulla Kalush Orchestra, la band ucraina che ha trionfato all’Eurovision Song Contest 2022 grazie all’incredibile spinta del pubblico europeo, che ha votato in massa per l’Ucraina ribaltando completamente la classifica stilata dalle giurie dei Paesi in gara. Il successo della Kalush Orchestra conferma che dal punto di vista mediatico la guerra è già stata stravinta dagli ucraini.

 

 

“Kiev, senza dubbio, è riuscita a coagulare il tifo di vaste fette delle opinioni pubbliche dell’Occidente – è l’analisi che Gabriele Canè fa sul Giorno in merito a quella che definisce “l’arma migliore” di Zelensky – non per grazia ricevuta, o perché istintivamente si sta dalla parte del più debole. Semplicemente perché il più debole ha vinto a mani basse la guerra dei sentimenti. Lo ha fatto con le dirette di Zelensky che passeggia da solo per le strade della capitale, mentre da Mosca arrivano i soliloqui di Putin e dei suoi maggiorenti, le minacce nucleari di qualche ministro, la sfilata a passo dell’oca dell’Armata…