quarantena a casa e meno test- Corriere.it

di Redazione Esteri Online

I contagiati e i loro contatti non saranno più costretti a trasferirsi nei centri di quarantena. Abolito anche il Qr sanitario che controllava la salute dei cittadini

Dopo le proteste di piazza scoppiate nei giorni scorsi contro le misure draconiane imposte dalla politica «Zero Covid», la Cina annuncia importanti cambiamenti che segnano un allentamento delle restrizioni ed un evidente ripensamento delle politiche adottate negli ultimi 3 anni.

Tra le nuove dieci misure annunciate dal Consiglio di Stato, quella più rilevante è che ora ai contagiati con sintomi lievi, o asintomatici, sarà permesso di fare la quarantena a casa. Non saranno più costretti quindi a trasferirsi nei centri di quarantena, in cui le misure della politica «Zero Covid» imponevano il trasferimento dei positivi e dei loro contatti.

Ora invece i positivi dovranno rimanere in isolamento a casa per sette giorni, ed i loro contatti per cinque. Inoltre verrà abolito il sistema del codice Qr sanitario, l’app installata nei telefoni per controllare lo status sanitario di ogni cittadino che, con un sistema di colori, rosso, arancione e verde, decide se si può uscire da casa, usare i mezzi pubblici o entrare in luoghi pubblici.

Ora i controlli saranno limitati…