Qatar 2022, la tecnologia italiana per lo stadio smontabile Al Bayt- Corriere.it

di Redazione Sport

Il gruppo We Build ha realizzato l’impianto dell’inaugurazione in Qatar e una linea di metropolitana a Doha

L’Italia rimasta a casa, ma il Made in Italy presentissimo a questi Mondiali in Qatar. Sono tante le aziende che hanno contribuito alla realizzazione delle opere, il gruppo WeBuild (ex Salini-Impregilo) ha costruito buona parte dello stadio Al Bayt, quello a forma di tenda beduina dove si tenuta la partita inaugurale Qatar-Ecuador.

Situato a circa 40 km dalla capitale Doha, ospita 60 mila persone, dotato di aria condizionata, si estende su oltre 200 mila metri quadrati ed circondato da parchi verdi, aree pic-nic, piste ciclabili e zone fitness destinate a essere utilizzate dalla collettivit anche dopo la fine della Coppa del Mondo. Fra gli aspetti chiavi del progetto c’ l’impiego di materiali provenienti da fonti riciclabili. La copertura retrattile riduce il consumo di energia e funziona da filtro solare per far crescere l’erba.

Lo stadio si caratterizza anche per l’innovazione nelle fasi di costruzione, durante le quali sono state utilizzate soluzioni di particolare complessit tecnica e scelte progettuali innovative in un ambiente dalle temperature elevate e dalle forti escursioni termiche. Uno dei punti forti la…