“Presto o tardi da fare a maggioranza popolazione”

La terza dose di vaccino contro il Covid dovrebbe essere data alla maggior parte della popolazione. “Stanno continuamente emergendo dati che corroborano il fatto che il richiamo, presto o tardi – sottolinea Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici Covid-19 dell’Agenzia europea del farmaco Ema – , dovrebbe essere dato alla maggioranza della popolazione per ripristinare la protezione che abbiamo visto inizialmente dopo la vaccinazione primaria” contro Covid.

“I diversi Stati membri stanno mettendo in atto campagne leggermente differenti, pur se tutte con l’obiettivo di assicurare che i vulnerabili, che sono più a rischio, vengano protetti col booster quando questo rischio di infezioni breakthrough (contagi che ‘bucano’ la protezione vaccinale, ndr.) diventa troppo alto e inaccettabile”, ha osservato l’esperto, evidenziando come la situazione sia in continua evoluzione e sempre più dati indicano che il booster, prima o poi, potrebbe dover essere somministrato in maniera più ampia a livello di popolazione generale.

“Stanno cominciando a emergere dati rispetto all’impatto del booster” del vaccino anti-Covid “nella vita reale e segnalano che la dose booster può ripristinare la protezione contro l’infezione…