Presidente della Repubblica, il no di Letta a proposte unilaterali. E il Pd in Aula potrebbe astenersi- Corriere.it

di Monica Guerzoni

Per il leader alla fine il centrodestra andr su Draghi Ma nel partito c’ chi lavora per Casini o Mattarella.

Enrico Letta guarda le agenzie sul computer al gruppo Pd della Camera, legge che il leader della Lega ha intenzione di proporre una rosa con dentro anche Franco Frattini e non ci vuole credere. Era convinto che alla fine Salvini convergesse su Draghi. Che la sua prima scelta. Basta con queste provocazioni. Con le continue giravolte questo ci vuole portare sulle montagne russe e cos cerca di confondere le acque e nascondere le divergenze del centrodestra e quelle nella Lega, esplode il segretario. Che annuncia ai suoi anche il no del Pd anche a tutti gli altri candidati che escono dal vertice del centrodestra: Tutte le proposte che vengono da una parte, senza condivisione, per noi sono inaccettabili. Dunque, il centrodestra andr oggi al voto con un suo candidato e il segretario del Pd che riunisce stamattina i suoi grandi elettori medita una nuova strategia: il centrosinistra potrebbe non ritirare la scheda.

Qui trovate il calcola maggioranze. Qui invece il link per iscriversi alla newsletter Diario Politico ( quotidiana, e gratuita)

Comunque, il nome di Frattini innervosisce non poco Letta: quello su cui Conte aveva aperto nel suo…