«Prepariamoci a virus più letali»- Corriere.it

di Matteo Persivale

L’imprenditore e filantropo ha donato milioni di dollari per investimenti che scongiurino nuove crisi. Da tempo ci aveva avvertito che una pandemia ci avrebbe messo in ginocchio

Ha realizzato il sogno giovanile di «mettere un computer su ogni scrivania, in ogni ufficio, in ogni casa», è stato per molti anni l’uomo più ricco del mondo, ha investito (per ora) 38 miliardi di dollari nella lotta alla malaria (i casi, dal 2000 al 2015, sono calati del 57%), e nei ritagli di tempo ci aveva anche avvertito, sette anni fa, che una pandemia ci avrebbe messo in ginocchio
se non ci fossimo preparati in tempo con piani pandemici, investimenti nella sanità, ricerca.
Sarebbe stato un classico esempio, per usare una frase alla quale è affezionato il matematico Nassim Taleb, esperto di analisi del rischio, di «spendere spiccioli oggi per risparmiare miliardi domani»: non è stato ascoltato.

Ora Bill Gates lancia un altro avvertimento
. Rischiamo che una pandemia ancora peggiore del Covid-19 si presenti a breve, e per questo ha invitato i governi mondiali a fare quello che non hanno fatto sette anni fa: prepararsi. Gates, che è ormai da anni filantropo a tempo pieno, ha spiegato che se da una parte è vero che le varianti Omicron e Delta del Sars-CoV2…