Premio Nobel per la pace ad Ales Bialiatski, a Memorial (Russia) e al Centro per le libertà civili (Ucraina)

Il premio nobel per la pace 2022 è stato assegnato all’attivista bielorusso Ales Bialiatski, ai russi di Memorial e agli ucraini del Centro per le libertà civili.

Bialiatski è uno storico attivista e dissidente bielorusso, conosciuto per aver fondato il Viasna Human Rights Centre, arrestato dal governo autoritario di Lunkashenko nel 2011 per evasione fiscale. Il Nobel va al suo “impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini per i diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini de guerra”, ha spiegato il comitato di Oslo.

L’attivista bielorusso

“Ales Bialiatski è stato uno degli iniziatori del movimento democratico emerso in Bielorussia a metà degli anni ’80. Ha dedicato la sua vita alla promozione della democrazia e dello sviluppo pacifico nel suo Paese d’origine”, si legge nel comunicato del Premio Nobel, che ha ricordato come “le autorità governative abbiano ripetutamente cercato di mettere a…