Premi Oscar 2023, le nomination. Maestri e outsider, in lizza anche Alice Rohrwacher- Corriere.it

Record per «Everything Everywhere All at Once». Farrell e Blanchett favoriti tra gli attori. Spielberg tra i migliori registi. Candidato Signoretti per il make up di «Elvis»

Sarà Everything Everywhere All at Once, epopea psichedelica da una lavanderia fino al multiverso dell’eroina Michelle Yeoh, opera dei registi Kwan e Scheinert, ormai noti come i Daniels, il film da battere nella 95ª edizione degli Oscar. Undici le nomination conquistate, tra cui le più pesanti: miglior film, regia, attori, Michelle Yeoh e i non protagonisti Ke Huy Quan (il ragazzino di Indiana Jones e il tempio maledetto) e la figlia Stephanie Hsu, oltre a Jamie Lee Curtis. Nove candidature per Gli spiriti dell’isola
di Martin McDonagh (arrivato da Venezia 79 dove è stato premiato Colin Farrell, favorito per la statuetta) e, una delle poche sorprese, il tedesco Niente di nuovo sul fronte occidentale di Edward Berger, targato Netflix. Buon risultato per Elvis di Baz Luhrmann, per cui è in gara — oltre al protagonista Austin Butler — anche il nostro Aldo Signoretti (make up). Alice Rohrwacher con il cortometraggio Le pupille strappa una nomination che pesa, visto che la cinquina dei registi è tutta al maschile, dopo le vittorie di Chloe Zhao e Jane Campion nel 2012 e 2022. Sono Steven…