“Possiamo solo chiedere scusa per non aver dato risposte”


CRONACA



Strage Bologna, Crimi: Possiamo solo chiedere scusa per non aver dato risposte


Stiamo lavorando per la verità, lo posso affermare con convinzione perché è l’intendimento di questo governo. Lo è stato dei governi precedenti e lo sarà dei successivi, ma è stato già detto e potremo dirlo anche l’anno prossimo. Questo non ferma il trascorrere del tempo che non porta definitive risposte, perciò ora le scuse sono e uniche parole che hanno una parvenza di decenza”. Così il viceministro dell’Interno, Vito Crimi in occasione del quarantesimo anniversario della stragedi Bologna.


“Al dolore delle famiglie si aggiunge quello della verità negata per quasi mezzo secolo, è una strage rimasta senza completa verità” aggiunge. “L’imperativo è fare presto – spiega – perché la verità emerga in superficie, fare presto perché non possiamo tollerare che chi ha già sofferto la perdita del proprio caro debba subire 40 anni di omissioni e depistaggi. si è arrivati a piegare le istituzioni pur di nascondere la verità”. “Quarant’anni pesano come un macigno e l’unica risposta da parte delle istituzioni sarebbe dovuta essere: ‘Ecco questa è la completa verità’, non avrebbe cancellato il dolore…