Piovella (Soi): “Serve aggiornamento dell’assistenza oculistica”

“Bisogna agire e soprattutto vigilare che le indicazioni siano a disposizione delle persone, per questo dobbiamo informare e aggiornare su quello che oggi l’oculistica è in grado di fare per salvaguardare la loro vista”. Nella cura della maculopatia, una malattia della retina, “l’impegno della Società oftalmologica italiana (Soi) è stato decisivo, ma dobbiamo guardare ai numeri: più del 50% delle persone con questa patologia non ha accesso alle cure che ha diritto di avere”. Così Matteo Piovella, presidente della Soi, anticipando i temi del 19esimo congresso nazionale dell’associazione scientifica, previsto dal 18-21 maggio a Roma.

“L’oculistica – aggiunge Piovella – è considerata un’assistenza di tipo elettivo, non prioritario. Questo ha ridotto del 50% interventi e visite nel 100% della popolazione”, durante la pandemia. “Prendiamo atto della carenza assistenziale del Servizio sanitario nazionale, dell’incapacità di aggiornamento delle risorse e delle tecnologie che inevitabilmente si riverbera, a cascata, sui pazienti”, dice il presidente di Soi ricordando quello che avviene, ad esempio, per la cataratta. “La chirurgia maggiormente eseguita nel nostro Paese, che ridà la vista nell’opacizzazione del…