Piossasco (Torino). Roberto Mottura ucciso durante rapina in casa

Dramma nella notte tra martedì 8 e mercoledì 9 giugno in una casa a due piani a Piossasco, in provincia di Torino, un uomo ha perso la vita colpito da un colpo di pistola sparato da uno dei ladri che si era introdotto nella sua proprietà. Il fatto di cronaca è avvenuto intorno alle quattro del mattino, quando Roberto Mottura, tra pochi giorni cinquant’anni, è stato svegliato da dei rumori e ha trovato un uomo, o forse di più, all’interno dell’appartamento. La dinamica è ancora da chiarire, ma sembra che da una prima ricostruzione dei carabinieri l’architetto abbia perso la vita cercando di mettere in fuga dei ladri.

In un primo momento, infatti, la moglie di Roberto Mottura ha chiamato il 118 per un malore e solo all’arrivo dei carabinieri è stato trovato un bossolo di una pistola di piccolo calibro. L’ipotesi è che quindi l’architetto abbia sorpreso dei ladri in casa, che ci possa essere stata una colluttazione e che sia stato ucciso da un colpo di pistola. La coppia e il figlio stavano dormendo al secondo piano quando è suonato l’allarme.

E la coppia è scesa a vedere che cosa stesse succedendo, i ladri sarebbero poi fuggiti dalla finestra e durante il sopralluogo i carabinieri hanno trovato anche un martello abbandonato in una…