per la Bce è il giorno della svolta- Corriere.it

Il faro dei mercati è puntato oggi su Francoforte, dove la Banca centrale europea annuncerà – è la scommessa unanime degli operatori – il primo aumento del costo del denaro in più di un decennio. Due aspetti saranno al centro dell’appuntamento della Bce, tra consiglio direttivo e conferenza stampa: il rialzo dei tassi di interesse e i dettagli dello scudo anti-spread. Con un inevitabile sguardo all’Italia e agli sviluppi della crisi politica, che ieri è stata accompagnata da una nuova impennata dello spread Btp-Bund: ora è sopra 220 punti, come il differenziale greco. I mercati peseranno quindi ogni singola parola della presidente Christine Lagarde per confermare o smentire le proprie attese.

Primo punto: i tassi. Le ipotesi più accreditate prevedono un rialzo da parte della Bce dello 0,25%, in linea con le indicazioni fornite in precedenza da Lagarde. Tuttavia, con l’inflazione dell’8,6% a giugno (anno su anno) nell’Eurozona, alcuni analisti propendono per un aumento più deciso di 50 punti base. In ogni caso, i mercati già scommettono su un rialzo dello 0,50% per settembre (ora i tassi sulle operazioni di rifinanziamento principale sono a zero, quelli sui depositi presso la banca centrale a -0,50%). Se l’inflazione gioca a favore dei falchi, i…