Pensioni novità 2020, Quota 100, Pensione di cittadinanza, Ape sociale e Ape volontario

Quota 100 Introdotta in via sperimentale per il triennio 2019/2021 consente di andare in pensione prima, maturando “quota 100” come somma di età (almeno 62 anni) e contributi (almeno 38 anni). Sarà fruibile fino al 31 dicembre 2021, termine entro cui vanno maturati età e contributi (per conseguire il diritto), ma la domanda di pensionamento potrà essere fatta anche successivamente. Ne possono fruire tutti i lavoratori – dipendenti, autonomi e parasubordinati – sia del settore privato sia pubblico. Sono esclusi: Forze armate; Forze di polizia e polizia penitenziaria; personale operativo dei Vigili del fuoco; Guardia di Finanza. Con “quota 100” sono tornate in vita le “finestre” che fissano la decorrenza della pensione dopo tre mesi dalla maturazione dei requisiti per i lavoratori del settore privato e di sei mesi per i dipendenti pubblici.

Lavoratori “precoci” Sono chiamati “precoci” i lavoratori in possesso di almeno 12 mesi di contributi per periodi di…