pena di morte o lavori forzati per una giacca di pelle – Libero Quotidiano

Un nuovo divieto scuote la Corea del Nord. Questa volta tocca alle giacche di pelle, che solo il dittatore Kim Jong-Un potrà indossare d’ora in avanti. Questa volta, però, il motivo non avrebbe nulla a che fare con cultura, costumi e tradizioni. Di mezzo ci sarebbe solo la vanità del leader. Il problema, infatti, è che ci sarebbero troppe copie del suo trench, diventato ormai un capo irrinunciabile. Ma questa concessione Kim non può e non vuole farla. Per i trasgressori – il presunto caso della copia importata di Squid Game insegna – lavori forzati o nel peggiore dei casi pena di morte.

 

 

 

La notizia è stata riportata da Radio Free Asia, citata dal Daily Mail. Il trench della discordia è stato indossato per la prima volta dal leader nel 2019. Ma in poco tempo è diventato popolare, soprattutto tra i più ricchi, quelli che potevano permettersi la vera pelle. L’obiettivo di molti, infatti, sarebbe stato solo quello di mostrare la propria lealtà al dittatore. Da un po’ di tempo a questa parte, però, Kim non gradirebbe più le imitazioni contraffatte.

 

 

 

Di qui la drastica decisione. Oltre al divieto, è stato deciso anche di chiudere i…