ovvero diffidate di chi promette stabilità nelle valute virtuali

 

L’Implosione dei token “Terra Luna” mostra chiaramente come qualsiasi sistema che prometta di trasferire la volatilità da un token ad un altro vi sta dicendo una bella falsità. Non esiste sistema matematico che sia in grado di coprire la volatilità in modo artificiale. Se poi il token in questione non ha alcuna funzione reale il suo valore sono briciole.

Il protocollo Terra dava l’illusione di mantenere il prezzo della stablecoin Terra assicurando che l’offerta e la domanda siano sempre bilanciate mediante l’arbitraggio con un altro token. Luna è il contrappeso variabile della stablecoin Terra e ne assorbe la volatilità o avrebbe dovuto farlo. Per capire come avrebbe dovuto funzionare Terra, immagina che l’intera “economia” Terra sia composta da una piscina Terra e una piscina Luna, che vengono utilizzate per adeguare il prezzo tramite incentivi per i partecipanti alla rete. Terra faceva poi parte di un ecosistema di stabel coin, con una addirittura legata ai diritti speciali di prelievo del FMI, una legata al Dollaro, una legata al Won sud coreano. Terra può essere generato bruciando Luna. Luna era invece il token che serve per la governance e il mining, e basato sullo staking di…