Omicidio Willy, imputati in aula con madre e sorella giovane ucciso

(dall’inviata Silvia Mancinelli) – Da una parte Gabriele e Marco Bianchi, in un’unica cella di sicurezza, accanto a loro, seppur diviso dalle sbarre, c’è Mario Pincarelli. Francesco Belleggia, l’unico dei quattro imputati ai domiciliari, è come accaduto in ogni udienza seduto in aula.  Dall’altra parte, quella opposta alle gabbie dove i fratelli Bianchi si scambiano un abbraccio prima e sguardi di intesa poi, siedono Lucia e Melania Monteiro, rispettivamente mamma e sorella di Willy. 

Oggi nell’aula della Corte di Assise del tribunale di Frosinone si è celebrata la nuova udienza del processo per l’omicidio del 21enne capoverdiano avvenuto la notte tra il 5 e il 6 settembre dello scorso anno. Per rendere esame erano presenti tutti e quattro gli imputati. Hanno raccontato versioni diverse dei fatti, dei colpi, dei calci al petto, “al fianco” ha specificato al pm Gabriele Bianchi, “al volto” ha aggiunto Francesco Belleggia, subiti dal ragazzo che ha pagato con la vita il coraggio di aver provato a difendere un amico.

Lucia e Melania hanno assistito con la solita compostezza, senza mai un cedimento pur trovandosi davanti le uniche persone accusate dell’omicidio. Mai una parola fuori posto, nemmeno…