Omicidio Torvajanica, arrestato il mandante. Gip: “Scia di sangue

Giuseppe Molisso ha assunto “un ruolo predominante nel panorama criminale romano, soprattutto nel settore del narcotraffico, rifornendo stabilmente buona parte delle piazze di spaccio nel quartiere di Tor Bella Monaca” ed “è divenuto persona molto temuta, pericolosa e forte, che non ha problemi a ricorrere all’uso della violenza, anche attraverso l’utilizzo di armi da fuoco”. Lo scrive il gip Francesca Ciranna nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Roma nei confronti di Giuseppe Molisso, pregiudicato 40enne, accusato di essere il mandante dell’omicidio di Selavdi Shelaj, avvenuto il 20 settembre 2020 nei pressi del chiosco Bora Bora sulla spiaggia di Torvajanica.

Per lui l’accusa è di omicidio volontario con l’aggravante del metodo mafioso. In carcere è finito anche il cognato Guido Cianfrocca, accusato del reperimento dell’arma mentre per una terza persona, accusata di ricettazione per aver trovato la moto, risultata rubata, da utilizzare per il delitto, il giudice ha disposto l’obbligo di firma. Gli esecutori materiali del delitto erano stati individuati lo scorso dicembre grazie alle indagini coordinate dalla Dda di Roma con i procuratori aggiunti…