Omicidio Alika, 17mila firme per chiedere a Mattarella cittadinanza per vedova e figlio

Ha superato le 17mila firme la petizione lanciata su Change.org dal virologo Francesco Menichetti, per chiedere al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di concedere la cittadinanza italiana alla moglie e al figlio di Alika Ogochukwu, il venditore ambulante nigeriano ucciso in strada a Civitanova Marche lo scorso 30 luglio, davanti agli occhi di alcuni passanti che si sono limitati a riprendere la scena con il telefonino senza intervenire.

“Sono tanti – commenta con soddisfazione Menichetti all’Adnkronos – tanti a essere umani”. E tra i tanti a sottoscrivere la petizione, sottolinea con orgoglio il medico, ci sono anche nomi noti come quello dell’attore Giorgio Panariello e del regista Riccardo Milani. L’obiettivo dalla petizione è raggiungere le 25mila firme ma “l’obiettivo vero – afferma fiducioso Menichetti – è che il presidente Mattarella ci ascolti” per garantire a vedova e orfano “una sopravvivenza dignitosa nell’Italia che rappresenta, che loro hanno visto come un’opportunità, e che – come si legge nel testo della petizione – rifiuta e non si riconosce in questi atti di inumana e vile…