Obbligo vaccinale, Consiglio di Stato: “Legittimo per i sanitari”

Il Consiglio di Stato, con una sentenza pubblicata oggi, ha respinto l’istanza di alcuni medici, paramedici, farmacisti e parafarmacisti e altri operatori sanitari della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, non ancora vaccinati contro Covid-19, confermando l’obbligo vaccinale, così come previsto per il personale sanitario dall’art. 4 del dl n. 44 del 2021.

L’art. 4, infatti, dispone che, in considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da Sars-CoV-2, fino alla completa attuazione del Piano strategico nazionale finalizzato a garantire il massimo livello di copertura vaccinale sul territorio nazionale, e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, “al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza”, gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario, che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, nelle parafarmacie e negli studi professionali, sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell’infezione da Sars-CoV-2″.

Il Consiglio di Stato, superate le questioni processuali che avevano…