«Nuove moratorie alle imprese per prevenire i costi sociali»- Corriere.it

Navighiamo tra la Scilla del rischio inflazione e la Cariddi del rischio recessione per cui meglio aiutare ora le imprese in difficolt anzich affrontare i costi sociali che genererebbero qualora fossero morte. Dal presidente dell’Associazione delle banche italiane ci si aspetterebbero considerazioni diverse, forse pi tecniche. Invece Antonio Patuelli, con il solito pragmatismo che lo contraddistingue, invita le istituzioni a un naturale completamento del decreto Aiuti ter.

Presidente, cosa chiede all’Italia e all’Europa?

Molto semplicemente di estendere le garanzie del credito per gli imprenditori anche oltre fine anno. Il governo ha fatto bene a non ritardare gli interventi di carattere industriale e fiscale, ma serve e servir attenzione anche sui debiti finora contratti dalle aziende, negli anni pre-pandemia e poi nelle fasi successive.

Venerd l’esecutivo Draghi ha esteso a fine anno un rafforzamento del credito di imposta con soglia del 25% per le imprese energivore e gasivore e al 40% per tutte le imprese che consuma-no gas; e poi una garanzia statale sui prestiti alle aziende in crisi di liquidit per il caro bollette, con accordi da sviluppare con le banche per offrire i prestiti al tasso pi basso, in linea con il Btp. Non …