non solo soldi – Libero Quotidiano

Claudia Osmetti

Israele raccomanda la quarta dose e (forse) cancella il green pass. Sono giorni frenetici, a Tel Aviv. Da una parte i numeri, quelli della pandemia: con i contagi che schizzan su (83.088 nuovi casi in un giorno solo, per un Paese che ha più o meno la stessa popolazione della Lombardia), e la variante Omicron che, a gennaio, ha infettato il 10% degli israeliani. Dall’altra la politica, affidata (questa volta) al ministro delle Finanze, Avigdor Liberman: è lui che, su Twitter, mette al bando il certificato verde. Non ha alcuna «logica medica ed epidemiologica», scrive sui social, «quello che c’è, invece, è un impatto diretto sull’economia, sul funzionamento dello Stato e un contributo significativo alla diffusione del panico tra i cittadini».

 

 

Già domenica scorsa, che al di là del Mediterraneo è una giornata lavorativa come le altre, il comitato consultivo del ministero della Salute ebraico aveva suggerito al governo di Naftali Bennett di disfarsi del Green pass: c’è poco da fare, con Omicron, dicono gli esperti, l’alto tasso di contagiosità non risparmia le persone vaccinate e il Qr code può persino «incoraggiare un falso…