“Non credo al suicidio, lei e Antonio gelosi a vicenda”

La morte di Dora Lagreca, 30enne caduta dal quarto piano di un palazzo di Potenza nella notte tra venerdì 8 e sabato 9 ottobre 2021, continua a tenere banco sui giornali e nei programmi televisivi; sono ancora numerosi, infatti, i punti oscuri legati a questa vicenda, che vede come unico indagato il fidanzato della giovane, Antonio Capasso, con l’accusa di “istigazione al suicidio”. Per bocca del suo legale difensore, l’uomo ha fatto sapere che quella sera la sua compagna si era spogliata per farsi una doccia, ma, dopo una lite, si sarebbe diretta verso il balcone, sporgendosi oltre la ringhiera e, nonostante il suo tentativo di afferrarla, lei sarebbe precipitata nel vuoto.

Una versione dei fatti che non convince la famiglia della vittima e tantomeno il suo avvocato di fiducia, Renivaldo Lagreca (cugino del papà di Dora), il quale, a “Ore 14”, trasmissione di Rai Due condotta da Milo Infante, ha asserito: “Escludiamo che Dora, per il carattere, la voglia, la forza e la volontà di continuare a vivere che aveva, abbia potuto sviluppare idee suicide. Cosa è avvenuto, vorremmo saperlo anche noi. La verità la conosce solo il naturale indagato: aspettiamo…