Mosca teme gli Himars ucraini, Kiev è alle prese con la «Babele» degli aiuti- Corriere.it

La resistenza colpisce il ponte Antonivskyi sul Dnipro, vicino a Kherson, ostacolando la logistica russa nel sud del Paese. Gli Stati Uniti valutano se addestrare piloti di caccia

Il ponte Antonivskyi, nel settore meridionale di Kherson, ha subito danni pesanti. La struttura sul Dnipro, in mano ai russi, stata centrata una dozzina di volte dagli ucraini. L’episodio porta a due aspetti del conflitto: la capacit della resistenza di ostacolare la logistica avversaria — il ponte una delle due vie di comunicazione che collegano Kherson, l’unica citt conquistata dall’Armata a ovest del Dnipro, con la parte orientale del Paese — e la gestione degli armamenti, non priva di difficolt.

Altri Himars

I colpi inferti al passaggio sul fiume sono stati attribuiti dagli stessi russi ai razzi sparati dagli Himars, l’arma pi citata da fine giugno da entrambi i duellanti con finalit diverse. Mercoled il capo della diplomazia Sergei Lavrov ha affermato che, se la Nato continuer a fornirli, Mosca estender i suoi obiettivi strategici oltre il Donbass. La frase minacciosa conferma quanto i russi considerino pericoloso questo sistema lanciarazzi a lunga gittata. Il ministro della Difesa ucraino ha infatti auspicato di poterne avere almeno 100 mentre Washington, secondo indiscrezioni,…