Morte Camilla Canepa, cosa è la piastrinopenia autoimmune

Camilla Canepa, 18 anni, è morta a Genova per una grave trombosi dopo essere stata vaccinata il 25 maggio con il vaccino anglo-svedese, nell’ambito della campagna Open Day per gli over 18. Una 34enne è invece ancora ricoverata. Giovedì 3 giugno, la ragazza, residente a Sestri Levante insieme alla famiglia, era arrivata in pronto soccorso accusando forti mal di testa e fotofobia, ma dalla tac cerebrale non era risultato niente.

Due giorni dopo Camilla Canepa è tornata in ospedale con deficit motorio e la tac aveva evidenziato un’emorragia da trombosi del seno cavernoso ed era stata trasferita in neurochirurgia. Lunedì è morta, ma poco dopo si è scoperto che la giovane soffriva di una malattia, la piastrinopenia autoimmune. Dalle indagini effettuate per capire se le due patologie fossero state indicate nella scheda consegnata prima del vaccino – come riporta il Corriere della Sera – si è scoperto che Camilla Canepa non aveva informato i medici vaccinatori della sua malattia.

“Nella scheda anamnestica di Camilla, Canepa recuperata ieri dai carabinieri del Nas, non è però indicata. È stata omessa? O la ragazza non ne era a conoscenza?”, si legge ancora nell’articolo pubblicato dal quotidiano. Ma che cosa è la piastrinopenia autoimmune?