Montagna, Bristot (Cnsas): “Oltre 6000 interventi da gennaio, +7% vittime”

“Sono 6.203 gli interventi effettuati e 5.659 le persone soccorse dall’inizio dell’anno dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Per quanto riguarda le persone recuperate sono circa il 14% in più rispetto al 2021. Questi dati sono dovuti da una parte alle giornate di tempo eccezionale, quasi sempre senza precipitazioni, e, dall’altra, all’effetto post pandemico che ha portato le persone a riscoprire la montagna. Il soccorso nazionale alpino, il Club Alpino Italiano e le varie guide alpine dovranno aumentare la sinergia per promuovere iniziative che limitino gli incidenti e gli infortuni”. A parlare all’Adnkronos è Fabio Bristot, membro della direzione nazionale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, spiegando quali sono gli interventi che il Soccorso Alpino e Speleologico si sta trovando a svolgere nel corso del 2022.

“Finora – spiega Bristot – sono 273 i morti in montagna, circa il 7% in più rispetto all’anno scorso. Di questi, 14 sono bikers, cioè coloro che vanno sui sentieri usando la bicicletta a pedalata assistita. Di soccorsi nei confronti di questa tipologia di ciclisti abbiamo avuto in dieci anni un aumento del 249%: un dato molto significativo su cui stiamo facendo degli studi. Queste…