Mia Martini, il tributo del grande artista che stravedeva per lei

Un momento emozionante giunge dal passato, un omaggio inaspettato alla grande artista calabrese scomparsa troppo presto. L’immenso cantante ricorda così Mia Martini.

Mia Martini (Facebook)

La sua voce è impossibile da dimenticare e i suoi pezzi sono tra i capolavori della musica italiana. Parlamo naturalmente di Mia Martini, splendida artista che purtroppo ci ha abbandonato nel 1995.

Nata a Bagnara Calabra nel 1947, si avvicina al canto fin da giovanissima, poi, nel 1962, convince la madre ad accompagnarla a Milano nella speranza di ottenere un contratto discografico. La costanza viene premiata e un anno dopo incide i suoi primi 45 giri.

Segue una carriera strepitosa, che la porta in contatto con alcuni dei più importanti artisti del periodo, come Renato Zero e Lucio Battisti. Tra i suoi successi maggiori, pezzi intramontabili come Piccolo Uomo, Minuetto, E non finisce mica il cielo e Almeno tu nell’universo.

Accanto all’enorme talento, però fa da contraltare una sfortunata vita privata, segnata da relazioni tumultuose, come quella con Ivano Fossati, alla fine degli anni Settanta e ad un’assurda diceria nata sempre in quegli anni che la voleva portatrice di sfortuna. “Tra i primi a…