«Mi sento parte della vostra famiglia»- Corriere.it

di Gian Guido Vecchi

Francesco si congeda dal Qubec e vola all’estremo Nord, vicino al Circolo Polare Artico, per incontrare la popolazione degli Inuit.

QUBEC La vastit di questa terra fa pensare alla lunghezza del percorso di guarigione e riconciliazione che stiamo affrontando insieme…. Francesco si congeda dal Canada, prima di rientrare a Roma voler nella notte italiana all’estremo Nord per incontrare la popolazione Inuit a Iqaluit, luogo di molti pesci, a sud-est dell’isola di Baffin, la capitale del territorio di Nunavut che dista appena trecento chilometri dal Circolo Polare Arti

co. Ed ora, lasciando Ville de Qubec, si rivolge ancora una volta ai popoli nativi nella cattedrale, come a tirare le somme del pellegrinaggio penitenziale di questa settimana, cominciato a Maskwacis con la richiesta solenne di perdono per lo scandalo delle scuole residenziali, 139 collegi voluti e finanziati dal governo e affidati a enti cristiani, 66 cattolici, tra il 1831 e il 1996, 150 mila bambini strappati ai genitori e sradicati dalle loro case e cultura.

Non sono venuto come turista ma in spirito penitenziale per esprimervi il dolore che porto nel cuore per il male che non pochi cattolici vi hanno arrecato appoggiando politiche oppressive e ingiuste nei vostri riguardi,…