Mezzo mondo sta rimborsando i danni per i vaccini, tranne gli USA…

Nonostante tutta le sicurezza decantata relativa ai vaccini covid-19 diversi paesi hanno attivato ampi programmi di rimborso per chi ha subito dei danni per gli effetti collaterali dei vaccini stessi. Alcuni paesi hanno riconosciuto casi che in Italia probabilmente sarebbero, ingiustamente, contestati. Facciamo qualche esempio esteso a livello mondiale:

Giappone: il Japan Times ha riportato questa settimana che una donna di 91 anni, morta dopo una risposta allergica e un improvviso attacco di cuore, è la prima persona in Giappone a essere risarcita per un danno da vaccino COVID. Una commissione del Ministero della Salute ha stabilito che il rapporto di causalità “non poteva essere negato” nel suo caso. La sua famiglia riceverà una somma forfettaria di circa 325.000 dollari.

La commissione ha esaminato altri 11 casi, di età compresa tra i 20 e i 90 anni, ma questa è stata la prima decisione, mentre le altre sono pendenti. Finora in Giappone, secondo l’articolo, 3.680 persone hanno fatto richiesta di risarcimento, 820 sono state approvate e 62 negate, mentre le decisioni su altre 16 sono state “rinviate”.

Taiwan: secondo il Taipei Times, il 24 giugno 2022 il National Vaccine Injury Compensation Program di Taiwan ha tenuto una riunione per…