“Meno social, più giornali e tv”. Il gruppo di Di Maio si butta sui vecchi media

Gli ex M5s vogliono archiviare il mito della rete da cui provengono. E sono pronti a invadere telegiornali e talk per rifarsi dei diktat di Casalino

Instagram? No, interviste ai giornali. Carta e piombo. Facebook? Macché, dichiarazioni alle televisioni. Meglio ancora se locali. TikTok? Ma quando mai: vanno invasi i talk-show. Militarmente. “Insieme per il futuro”, la navicella di Luigi Di Maio, punterà sui vecchi media, usando i social network il meno possibile. Una svolta per questo pattuglione di ex grillini, nato ed entrato in Parlamento grazie a un pugno di clic, al mito della rete, al blog di Beppe Grillo e insomma a tutto quell’armamentario casaleggiano ormai stranoto. Siccome quelli di Ipf (così l’acronimo del gruppo) puntano all’elettorato moderato sono convinti che anche la comunicazione debba essere calibrata su chi vuole ascoltare, essere convinto e non persuaso con uno slogan su Twitter. Molti fuoriusciti si lamentavano delle regole del Codice Rocco. In quanto Casalino manda in tv sempre i soliti volti turbocontiani (tipo la preparata Vittoria Baldino: lanciatissima).  

 

Sicché ecco la riscossa degli straccioni di Valmy, che tali però non si sentono. Sono pronti a gridare in coro: è la stampa, bellezza! Un altro…