Meloni tra Biden e la fuffa: appunti per un’agenda di governo

Sull’inflation reduction act americano, la premier non è riuscita finora ad articolare un pensiero diverso dalla coniugazione del verbo “preoccupare”. Quanto ci metterà a capire che non riguarda solo l’Europa ma la competitività dei singoli paesi?

Spinto dall’esigenza umanamente comprensibile di riempire la propria agenda quotidiana di non temi, di argomenti fuffa, di polemiche inventate, e spinto dunque dal dovere per così dire primario di dedicare la propria attenzione ad argomenti rilevanti come il futuro dei rave, il futuro del Pos, il futuro del Mes, il futuro dello Spid, il futuro dei No vax, il futuro dei contanti, il governo italiano, negli ultimi mesi, ha scelto in modo diversamente lungimirante di dedicare a un argomento cruciale per il destino del nostro paese un livello di attenzione simile a quello che si può facilmente riscontrare in un bambino dopo un paio d’ore passate con un joystick in mano per cercare la giusta skin per affrontare l’ultimo Pass battaglia di “Fortnite”. L’argomento cruciale a cui facciamo riferimento coincide con un acronimo di tre lettere: Ira. Ovverosia: l’inflation reduction act, il piano anti inflazione, e ultra protezionista, varato ad agosto dall’Amministrazione Biden per rafforzare la…