Matteo Messina Denaro, individuato il terzo covo e un libro mastro

Proseguono le indagini dopo la cattura del boss Matteo Messina Denaro finito in manette dopo 30 anni di latitanza. Gli investigatori hanno individuato due covi dove si rifugiava il boss di Castelvetrano. Il primo si trova a Castelvetrano ed è la casa intestata a Andrea Bonafede in vicolo San Vito a Campobello di Mazara: All’interno dell’appartamento non sono state trovate armi, come apprende l’Adnkronos, mentre i carabinieri hanno trovato molti abiti di lusso, firmati, diversi profumi, anche questi di lusso, e un arredamento definito “ricercato”.

Il boss avrebbe avuto, durante la sua latitanza, anche dei rapporti sessuali. È quanto si evince dai profilattici trovati nell’appartamento, insieme con delle pillole che aiutano le prestazioni sessuali. Nei giorni successivi alla cattura è stato trovato un secondo covo di Matteo Messina Denaro: si tratta di un bunker sempre a Campobello di Mazara che si trova a 300 metri dal primo. Si tratta di una stanza nascosta all’interno di un immobile al piano terra. Dalle prime indiscrezioni, sarebbe una stanza vissuta, con tracce anche recenti.

Leggi anche: “Chiedete a lui”. Messina Denaro, l’appello choc dei genitori di Denise Pipitone

Matteo Messina Denaro, individuato il terzo covo e un libro mastro

Nel secondo covo è…