Massimiliano Gallo: «Io, l’antidivo. Sono un artigiano come papà»

Mezzogiorno, 19 gennaio 2022 – 10:39

Il popolare attore napoletano e il suo momento d’oro tra cinema, teatro e televisione
«Mi fanno tenerezza quei colleghi che hanno un atteggiamento snob verso il mestiere»

di Gabriele Bojano

È l’attore del momento, al cinema, in teatro e in tv. E se il momento sta durando già da alcuni anni, buon per lui. Massimiliano Gallo indossa il successo con disinvoltura, come se non gli appartenesse. Non fa capricci da divo, non sbuffa, non è isterico né tonitruante forse perché il padre, il grande Nunzio Gallo, gli ha insegnato che il suo è un lavoro da artigiano e che va fatto in silenzio. A proposito, da domani fino a domenica è il protagonista al teatro Verdi di Salerno di una commedia di Maurizio de Giovanni, Il silenzio grande, con la regia di Alessandro Gassmann, che ha avuto anche una versione cinematografica, con lo stesso interprete e regista, reduce dall’accoglienza favorevole all’ultimo festival di Venezia e che ha fatto meritare a Gallo il Ciak d’Oro come migliore attore. «È un lavoro che ci sta dando enormi soddisfazioni – conferma – uno spettacolo di grande impatto, ambientato negli anni ‘60, in cui non era come oggi che i genitori sono ossessionati dal giudizio dei…