Marsala, Alessio Titone ucciso a coltellate: confessa coppia

Omicidio a Marsala, Alessio Titone (60 anni) è stato ucciso ieri mattina. A quanto si apprende l’uomo sarebbe stato ritrovato in un lago di sangue, sul corpo i segni di numerose coltellate. Già da un primo momento sembrava che il delitto fosse nell’ambito di contrasti sullo spaccio di droga. E nel giro di poco la polizia coordinata dalla procura di Marsala guidata da Roberto Piscitello, ha formalizzato il fermo di una coppia: una 40enne e il compagno un pluripregiudicato appena uscito di prigione.

Sembra che la coppia fosse una vecchia conoscenza di Titone, appartenente agli ambienti della malavita con precedenti per furti, rapine, tentativo di estorsione e spaccio di stupefacenti. Ai due i carabinieri sarebbero arrivati scandagliando le amicizie della vittima e nelle prossime ore potrebbe scattare il provvedimento di fermo per la coppia.

Leggi anche: “È morta così”. Omicidio Elena Del Pozzo, dettagli angoscianti dopo la confessione della madre

Marsala, Alessio Titone ucciso a coltellate: confessa coppia

A incastrarli poi le telecamere a circuito chiuso che hanno ripreso l’uomo e la donna nella zona dell’omicidio all’orario presunto della morte. La donna, 40 anni, e il marito pluripregiudicato sono stati sentiti per ore ieri pomeriggio. La coppia frequentava la…