Marina Ovsyannikova di nuovo arrestata dalla polizia russa- Corriere.it

di Lorenzo Nicolao

La giornalista fermata dalle autorit per aver screditato l’esercito del cremlino. Perquisita anche la casa. Aveva mostrato a marzo il cartello No-War in diretta tv, per poi tornare a manifestare a luglio

Era stata arrestata
per essersi presentata a sorpresa in diretta davanti alle telecamere della tv di Stato russa con un cartello No-War
, contro la guerra in Ucraina. Ora la giornalista russa Marina Ovsyannikova stata nuovamente fermata dalla polizia, per la terza volta, con l’accusa di aver screditato l’esercito del Cremlino. Anche il suo appartamento stato perquisito dalla polizia. Lo ha raccontato ai media il suo avvocato, Dmitri Zakhvatov, rivelando anche l’apertura di una nuova indagine sulla professionista non allineata ai media di Mosca. Ha diffuso informazioni false, questa l’accusa che fa riferimento alla stretta del Cremlino sul mondo dell’informazione in Russia, una legge sulla censura di fronte alla quale non sono ammesse violazioni, per quanto la giornalista si fosse subito licenziata.

Ovsyannikova stata critica da subito nei confronti di Putin, contestando apertamente la scelta di invadere l’Ucraina, dando inizio alla sua operazione militare speciale e ha continuato a manifestare nonostante gli arresti. La prima volta, a marzo, …