“Marcia indietro sulle mutazioni genetiche” – Libero Quotidiano

La Omicron richiede un cambio di passo. Ad ammetterlo è Guido Silvestri, l’immunologo nonché divulgatore scientifico. Per lui sono tre gli scenari che potrebbero verificarsi a causa della nuova variante del Covid-19. Il primo, quello migliore, “è che Omicron si diffonda ovunque, ma causando una malattia meno severa, e magari affinando ulteriormente la sua propensione a causare infezione delle vie aeree superiori”. In questo caso, spiega l’esperto sulle colonne del Corriere della Sera, l’ondata sarebbe altissima come numero di contagi, ma con letalità più bassa.

 

 

Poi c’è il secondo scenario, quello che risulta essere una via di mezzo, un cui la mutazione “nonostante la ridotta letalità intrinseca, causi comunque una morbilità e mortalità assoluta importante, soprattutto nei soggetti non vaccinati e nelle persone anziane o affette da comorbilità, a causa del gran numero di infezioni”. Infine, il peggiore degli scenari e il più improbabile tra tutti. In questo caso il timore è che Omicron faccia “marcia indietro” sulle mutazioni genetiche (sembra siano almeno tre) che la rendono poco capace di infettare il polmone senza perdere la sua aumentata trasmissibilità.