Marasma Rai: autori smarriti e vicedirettori congelati. Il programma della D’Amico slitta di un mese

La Rai è la multinazionale delle strette di mano. “Ma scherza? Il suo contratto è sicuro, dettagli. Lei fa già parte della Rai anche per il prossimo anno. Non sente odore di Zavoli?”. Quando guardate un programma non solo di informazione, quando vedete cronisti inseguire ministri, dovete sapere che quello è il “Quarto stato Rai”. Sono i braccianti della diretta: reporter, operatori, troupe leggere, tutta fanteria che permette a questa malandata televisione di andare in onda e di offrire l’informazione fresca, quella vera che nasce sempre dall’incertezza, purtroppo anche economica. Vengono contrattualizati annualmente (a settembre) e questo è il periodo delle strette di mano che, per loro sfortuna, hanno già dato prima dello scoppio di Star Wars Rai, prima delle sostituzioni da parte dell’ad Carlo Fuortes dei direttori di Approfondimento e del Daytime.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal…