Manovra, più di 6 mila emendamenti. Fisco, sul taglio delle tasse rottura tra governo e sindacati- Corriere.it

Alluvione di emendamenti sulla manovra mentre rottura tra i sindacati e il governo sul taglio delle tasse. Si complica il cammino della legge di Bilancio per il 2022. Mentre il presidente del Consiglio, Mario Draghi, cerca di blindare il provvedimento incontrando uno a uno i partiti della maggioranza (luned 29 novembre il primo vertice con i 5 Stelle) in Senato le stesse forze politiche hanno fatto a gara su chi presentava pi emendamenti.

La corsa degli emendamenti

Alla fine le proposte di modifica sono 6.290. Molte riguardano il capitolo fisco, dove luned l’incontro tra il ministro dell’Economia, Daniele Franco, e i leader di Cgil, Cisl e Uil andato male. Landini, Sbarra e Bombardieri hanno bocciato il taglio delle tasse loro illustrato, che, dicono, non va a beneficio di lavoratori dipendenti e pensionati a basso reddito e valuteranno se inasprire le iniziative di protesta.


Cartelle esattoriali

Nella valanga di emendamenti presentati in Senato ci sono la proroga del pagamento delle cartelle esattoriali, lo stop alla tassa di occupazione di suolo pubblico per bar e ambulanti, ma anche una no tax area per gli under 30, l’allargamento della platea per l’anticipo pensionistico, la decontribuzione per le neomamme che tornano al lavoro o 15 giorni di congedo…