malato per il tribunale, guarito per il Quirinale?

Ogni giorno che passa sembra prendere più piede nel centrodestra la candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale. Ci sono motivi per pensare che il centrodestra non abbia un piano B e l’unico piano che abbia sia puntare su Berlusconi. Anche perché il nostro Silvio Nazionale sta facendo la sua campagna acquisti, telefonando soprattutto al gruppo misto dove potrebbe pescare. Ma quello su cui si dovrebbe riflettere non è tanto se Berlusconi sia o no divisivo, questo lo è senz’altro perché una parte del paese francamente non lo vuole, ma soprattutto se sia adatto per occupare quel posto.

In quel posto potrebbe andare mai qualcuno che è pregiudicato? Questa è la domanda che dobbiamo farci. Berlusconi ha avuto condanne con alcune passate in giudicato semplicemente perché sono scaduti i termini, ma era stato condannato. Non si può pensare che questo si possa cancellare. Oltretutto quello di cui si è parlato erano reati come evasione fiscale ed elusione. Per non parlare di quello che è successo a proposito dei suoi divertimenti, certamente innocui e leciti per ciascuno, a meno che tu racconti una cosa invece che un’altra. Tutto questo fa pensare che non è davvero il caso di avere quest’uomo come Presidente della Repubblica.

Quello che sconcerta è che…