“Mai visto niente di simile” – Libero Quotidiano

Una grande nuvola di metano si è formata nei cieli di Svezia e Norvegia. E’ il primo frutto del terribile incidente ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 che passavano sotto il mar Baltico, con il grave sospetto che si sia trattato in realtà di un sabotaggio. A opera di chi? Le accuse si incrociano: Ucraina, e di riflesso i Paesi occidentali, sospettano di un blitz russo, mentre Mosca chiama in causa gli ucraini o, addirittura, gli Stati Uniti. Due esplosioni, quattro falle aperte, il flusso di gas dalla Russia all’Europa interrotto forse per sempre, vista l’entità del danno. E ora, secondo i calcoli di Stephen Matthew Platt, scienziato del clima presso l’istituto norvegese di ricerca sull’aria Nilu, circa 40.000 tonnellate di metano sono state rilasciate nell’aria. “Le emissioni corrispondono al doppio delle emissioni annuali di metano dell’industria petrolifera e del gas in Norvegia. Sono livelli record, mai visto niente di simile prima in Norvegia e Svezia”, spiega l’esperto.  

L’immensa nuvola di gas si sta muovendo verso Nord e potrebbe arrivare fino alle isole Svalbard, entro un paio di giorni, spinta dai venti. Il fenomeno ottico è impressionante e inquietante, anche se pur con elevata concentrazione il…