Ma al Meridione non bastano i soldi del Pnrr

Mezzogiorno, 15 maggio 2022 – 08:30

Questi fondi consentono di recuperare alcuni gap infrastrutturali esistenti da decenni, ma non modifica in nulla gli altri deficit competitivi del Sud

di Antonio Polito

Basta avere più di sessant’anni per condividere il partecipe scetticismo – se così lo posso chiamare – con cui Aldo Schiavone ha giudicato, ieri su questo giornale, l’entusiasmo che sprizzava dalla prima giornata di lavori del Forum «Verso il Sud», organizzato dal governo a Sorrento. Chi ha quell’età, ed è dunque nato più o meno in coincidenza con la fine della fase espansiva caratterizzata dalla Cassa per il Mezzogiorno, ha già assaporato troppe volte il gusto della «convegnite» per poter credere a ciò che di solito promette. Poche cose come il Mezzogiorno sono state in Italia così ricche di studi, libri bianchi, proposte, seminari e convegni; e così povere di fatti.

La stessa ambizione programmatica che anima questi simposi, che non si limitano a uno o due aspetti della crisi meridionale ma di solito spaziano sull’universo mondo dei suoi problemi, spinge inevitabilmente più a voli pindarici che a realizzazioni puntuali. Ma, esattamente come quello di Schiavone, anche il mio pessimismo è «partecipe»; nel senso che…