Lukashenko condannato dal Parlamento europeo, la Lega si astiene

Approvata a maggioranza una mozione che non riconosce le elezioni del 9 agosto di Lukanshenko e chiede sanzioni. Fa discutere l’astensione della Lega

– Advertisement –

A partire dal 5 novembre, data di scadenza del vecchio mandato di Alexander Lukashenko, il Parlamento europeo non lo riconoscerà più come presidente della Bielorussia. Il parlamento ritiene illegittime le contestate elezioni del 9 agosto scorso che lo avrebbero riconfermato al potere. E’ quanto prevede la mozione, approvata oggi a maggioranza a Bruxelles, di condanna della repressione dei manifestanti a Minsk: 574 sì, 37 no, 82 astensioni tra cui quelle degli eletti della Lega.

– Advertisement –

Oggi la Lega si è astenuta sulla Risoluzione del Parlamento Europeo che condanna quanto sta avvenendo in Bielorussia. Lukashenko reprime nella violenza le proteste dei cittadini che chiedono democrazia  – dice il capo delegazione del Pd all’Eurocamera Brando Benifei –  Ancora una volta Salvini si dimostra il miglior alleato dei peggiori dittatori. Dopo aver fornito appoggio a Orban, ora rifiuta di condannare il regime bielorusso per non scontentare Putin, voltando le spalle a chi chiede diritti e democrazia”.

Anche il segretario del Pd Nicola Zingaretti condanna fortemente la decisione dei…