Luigi Amicone, morto il famoso giornalista milanese. Le parole dei colleghi

Lutto nel mondo del giornalismo, è morto a 65 anni Luigi Amicone. Il giornalista e scrittore, fondatore del settimanale ‘Tempi’, è scomparso nella notte a Milano, stroncato da un infarto. Amicone, ex consigliere comunale, aveva compiuto 65 anni il 4 ottobre scorso. Tanti i messaggi di cordoglio: “Luigi Amicone – ha twittato Gad Lerner – è stato per me un avversario appassionato ma gentile con il quale ci siamo sempre voluti bene. Oggi lo piango insieme ai suoi familiari e alla sua comunità di fede”. Soccorso d’urgenza, trasportato all’ospedale San Gerardo di Monza, è morto dopo pochi minuti.

Luigi Amicone fu tra i fondatori di Cl e poi del settimanale d’area Tempi, di cui era ancora direttore, ma soprattutto attivista di molte battaglie in Italia. Il referendum sul divorzio e poi l’aborto, il giustizialismo di Mani Pulite, l’eutanasia, i matrimoni gay. Sempre in campo, anche se sempre sconfitto. Un mese fa, da candidato azzurro a Palazzo Marino, annusando la sconfitta del pediatra Luca Bernardo contro Beppe Sala, s’era scagliato contro Matteo Salvini: “Ha confuso Milano con Milano Marittima”.

E ancora: “La gente è sconcertata, si poteva vincere a mani basse ma si va verso una sconfitta a mani alzate”. Commovente il ricordo di…