Lucano condannato, padre Zanotelli: “Digiuniamo contro sentenza oscena”

“Il digiuno di questo mese è un urlo per la condanna a 13 anni di carcere a Domenico Lucano, uomo onesto, che ha fatto rinascere Riace, un paese semiabbandonato, accogliendo profughi”. Lo annuncia padre Alex Zanotelli a nome del ‘Digiuno per la giustizia’ spiegando che il prossimo sit in davanti ai Palazzi del potere a Roma sarà per protestare contro la sentenza nei confronti dell’ex sindaco di Riace e, come ogni mese, per chiedere lo stop delle politiche razziste nei confronti dei migranti .

“Ero nell’aula del tribunale di Locri quel giorno della condanna( 28 settembre) – ricorda all’Adnkronos il missionario comboniano – e ho pianto ascoltando la oscena sentenza, che di solito è riservata ad assassini, a mafiosi, a trafficanti di droga. Questo è un processo politico: Lucano è condannato perché ha creato a Riace un modello di accoglienza. Come dice l’amico, Tonino Perna, Lucano è colpevole di ‘reato di umanità‘”.

Padre Zanotelli spiega che il 6 ottobre, insieme al ‘Digiuno per la giustizia- sara’ dalle 16 in piazza Montecitorio, davanti al Parlamento italiano, “per il Digiuno di Giustizia in solidarietà con i migranti, anche in nome di quanti digiuneranno…