Lorenzo Lucca lascia il Pisa per l’Ajax, il grande salto sulle orme di Ibrahimovic

Lorenzo Lucca

Che provasse un certo gusto nel bruciare le tappe s’era capito fin dagli esordi. Fin da quando, alla prima stagione tra i professionisti, fu capace di segnare 13 gol in 27 partite nel girone C di Lega Pro. Era il 2020/2021, Lorenzo Lucca non aveva nemmeno 20 anni, ma con la maglia del Palermo si impose come uno dei giovani più interessanti del calcio italiano. Certo, restava il dubbio. Come avrebbe reagito ad un salto di categoria? La risposta, fu devastante. Passato al Pisa (per circa 2 milioni di euro) nelle prime 7 giornate dello scorso campionato di Serie B questo ragazzone alto due metri segnò la bellezza di 6 reti. Un impatto da urlo, talmente «violento» da catapultarlo sulle prime pagine di tutti i giornali, sul taccuino di tutti i club più importanti di Serie A (Milan, Juventus e Fiorentina in particolare) e, soprattutto, su quello dell’allenatore più importante d’Italia: il ct Roberto Mancini. Un’esposizione esagerata, alla quale Lorenzo non era abituato, e che ha puntualmente pagato. Lucca infatti, si è fermato lì. A quei 6 gol segnati nella primissima parte di stagione (ai quali vanno aggiunti i 2 realizzati tra ottobre e novembre con la Nazionale Under 21) e quei lampi di abbagliante talento ai quali, però, non ha saputo dare…