Lo strano asse M5s-FdI che boicotta il rigassificatore di Piombino

Foto via Ansa 

Nave galleggiante: sì o no?

Antonia Ferri

La consigliera regionale della Toscana, Irene Galletti, ha presentato un ordine del giorno per l’interruzione di qualsiasi azione atta alla realizzazione dell’opera. Contro si sono espressi solo Pd e Italia viva. A favore Fratelli d’Italia e Forza Italia

Nel Consiglio regionale della Toscana si costruiscono delle stravaganti coalizioni. Il tema gravoso, di cui il prossimo governo a probabile guida Meloni sarà incaricato, è quello del rigassificatore di Piombino, intorno a cui si sono uniti in asse il M5s e tutto il centrodestra. La questione resta delicata perché, come ha più volte detto il premier Mario Draghi, il rigassificatore dev’essere attivo entro la primavera per garantire la sicurezza energetica del paese, ma in città i comitati di opposizione non sembrano voler cedere. Ieri, con un ordine del giorno, la consigliera regionale del Movimento 5 stelle Irene Galletti ha presentato al Consiglio regionale la richiesta di “interrompere qualsiasi atto o fatto volto alla realizzazione del rigassificatore”, incluse tutte le misure propedeutiche o laterali legate all’opera. L'”appello”, come…