lo Stato interverrà per salvare la villa di Verdi- Corriere.it

Stremati da liti decennali e dai costi di mantenimento, gli eredi non sono più in grado di occuparsene. Il tribunale ha deciso che l’immobile andrà all’asta

«La casa di Verdi non è solo il luogo dove ha vissuto il grande compositore, è un luogo della memoria collettiva nazionale
, un pezzo della vita di ciascuno di noi. Lo Stato non si può permettere di lasciare che vada in degrado». Lo ha detto
il ministro per la Cultura Gennaro Sangiuliano
rispondendo a una interrogazione di Fratelli d’Italia. Bisogna aspettare la decisione del tribunale civile, ha spiegato il ministro, poi ci sono due strade, «quella della trattativa diretta o far concludere un’eventuale asta e poi intervenire con la prelazione. Ma in ogni caso ci siamo. Io intanto la prossima settimana andrò sul posto a vedere». Per Villa Verdi, ha spiegato ancora Sangiuliano, c’è una questione legata a una sentenza del tribunale civile concernente una disputa ereditaria.

«Ora noi per muoverci stiamo aspettando la decisione del tribunale di Parma che deve nominare un custode giudiziario e poi ci deve far capire quali saranno le modalità di vendita». Intanto dal 1° novembre la bella casa dove il più grande dei compositori italiani visse e scrisse buona parte dei suoi capolavori, non è più…