lo scandalo travolge Boris Johnson – Libero Quotidiano

Boris Johnson sapeva. Lo scandalo che ha costretto alle dimissioni il suo ex braccio destro, Chris Pincher, da deputy chief whip e dall’incarico cruciale di sorvegliare la disciplina del gruppo di maggioranza alla Camera dei Comuni, per essersi ubriacato in un gentlemen club di Londra e aver poi molestato due uomini, incluso un altro deputato, rischia di travolgere anche il premier britannico.

Lo scorso febbraio, infatti, uno dei deputati “molestati” da Pincher si sarebbe andato a lamentare del suo comportamento direttamente a casa di Johnson raccontando per filo e per segno quello che era successo. Downing Street nega che il premier fosse a conoscenza di formali contestazioni su Pincher, bensì solo di voci e di sospetti, ma c’è il fatto che Johnson aveva già ricevuto una segnalazione di “comportamento inappropriato” fatta contro il chiacchierato “pretoriano” già all’inizio del 2020, quando questi era ancora viceministro degli Esteri. Nel dettaglio, mister Pincher avrebbe una predilizione per i “pizzicotti” alle terga dei molestati.

 

 

Lord Simon McDonald, all’epoca dei fatti segretario generale del Foreign Office, aveva inviato una lettera alla Commissione parlamentare…