Liliana, domani la verità dall’autopsia. Scientifica al lavoro sui reperti- Corriere.it

di Andrea Pasqualetto

La procura di Trieste, dopo sei giorni dal ritrovamento di quel corpo di nella boscaglia, non ha ancora certezze. Nessun indagato, perch non stata ancora esclusa al 100 percento l’ipotesi (remota) del suicidio

Dal nostro inviato

TRIESTE La procura di Trieste prudentissima sul caso di Liliana Resinovich. A distanza di sei giorni dal ritrovamento di quel corpo di donna nella boscaglia di Trieste non si parla ancora di certezze rispetto all’identit. I consulenti hanno desunto un’elevata probabilit che si tratti di lei, scrive il procuratore capo Antonio De Nicolo, aggiungendo che la Tac, eseguita sabato scorso, non ha rivelato particolari idonei a orientare le indagini sulla causa di morte, sicch a tal fine sar necessario attendere l’autopsia che sar eseguita domani
.

Nessun indagato

L’assenza di dati certi ha come effetto l’impossibilit di procedere nei confronti di un eventuale indagato. Gli inquirenti ribadiscono infatti che non ancora esclusa l’ipotesi del suicidio, nonostante tutto. Nonostante cio il corpo sia stato trovato all’interno di due sacchi neri dell’immondizia che sembrano indicare la via dell’omicidio o quantomeno l’ipotesi che qualcuno sia intervenuto a coprire il corpo, esponendosi comunque a un reato. A…