Lewandowski, il suo bodyguard accusato di essere un neonazista- Corriere.it

Dominik Grucha, guardia del corpo della Nazionale polacca e personale dell’attaccante del Barcellona sarebbe un militante neonazista: la federazione ha deciso di allontanarlo

A tre giorni dal debutto Mondiale contro il Messico (22 novembre, ore 17), nella Polonia scoppia Dominik Grucha, guardia del corpo della Nazionale polacca, nonch bodyguard personale del capitano Robert Lewandowski, attaccante del Barcellona. Il motivo? Sarebbe un militante neonazista accusato di appartenere a una banda criminale coinvolta in rapimenti, sfruttamento della prostituzione e promozione del fascismo. La federazione polacca ha cos deciso di allontanarlo.

A raccontarlo il quotidiano Wirtualna Polska, che per supportare la propria tesi ha abbondante materiale grafico gi finito alla procura polacca. Ad esempio Grucha che gira insieme a uomini che fanno il saluto fascista, con tanto di foto di Rudolf Hess, il braccio destro di Adolf Hitler, stampato sulle magliette. Non solo, perch secondo il giornale Grucha sarebbe sotto processo per militanza appunto in una banda criminale alla quale apparterrebbero circa 50 persone, tutte accusate di propaganda del nazismo, rapimenti, sfruttamento dalla prostituzione e organizzazione di combattimenti. La guardia del corpo della nazionale ha s confermato di…